PIA – Piccole Imprese

PIA – Medie Imprese
1 Aprile 2020
unsplash-logoCarl Heyerdahl
TITOLO II Capo 3
2 Aprile 2020

PIA - Piccole imprese è lo strumento con cui la Regione Puglia ha messo a disposizione €20 milioni a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione e assegnati all' Accordo di Programma Quadro "Sviluppo Locale". L'obiettivo è quello di promuovere le seguenti priorità di investimento:

~ Asse prioritario III "Competitività delle Piccole e Medie Imprese"

3.a) "Rilanciare Ia propensione agli investimenti del sistema produttivo", Azione 3.1 "lnterventi per il rilancio e Ia propensione agli investimenti del sistema produttivo";

3.d) "lncrementare il livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi", Azione 3.5 "lnterventi di rafforzamento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi";

3.e) "Promuovere Ia nascita e il consolidamento delle micro e PMI", Azione 3.7 "lnterventi di supporto a soluzioni ICT nei processi produttivi delle PMI"; ~ Asse prioritario I "Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione"

3.c) "lncrementare l'attività di innovazione nelle imprese", Azione 1.1 "lnterventi di sostegno alle attivita di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi" e Azione 1.3 " lnterventi per l' innovazione e l'avanzamento tecnologico delle imprese".;

PIA - Medie Imprese

A chi si rivolge?
PIA - Piccole Imprese si rivolge a:

• Impresa di piccola dimensione, come da definizione di cui all' Allegato I del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 e s.m.i., in regime di contabilità ordinaria, che alla data di presentazione della domanda abbia già approvato almeno tre bilanci di esercizio, che abbia registrato nei tre esercizi precedenti un fatturato medio non inferiore a €1,5 milioni e che abbia registrato, nei 12 mesi antecedenti Ia presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.
• II progetto integrato può prevedere, insieme al progetto presentato dalla piccola impresa in possesso dei predetti requisiti, anche Ia realizzazione di programmi di investimento di altre piccole o microimprese attive con almeno due bilanci approvati, a condizione che le aderenti, qualora non in possesso dei requisiti di tre bilanci approvati, del fatturato medio non inferiore a €1,5 milioni e dei 10 ULA, promuovano investimenti di importo non superiore a €2 milioni;
• Nell'ambito del programma integrato promosso da piccole imprese, l'iniziativa imprenditoriale di competenza della piccola impresa proponente, che assume Ia responsabilità ai soli fini della coerenza tecnica e industriale, deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell'importo complessivo del programma.
Cosa finanzia?
Gli aiuti riguardano:

1) Investimenti iniziali

a) la realizzazione di nuove unità produttive;
b) l'ampliamento di unità produttive esistenti;
c) la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente
d) un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un'unità produttiva esistente

2) Investimenti in R&S:
a) ricerca industriale;
b) sviluppo industriale;
c) studi di fattibilità tecnica;

3) Investimenti in innovazione tecnologica, dei processi e dell'organizzazione:

a) servizi di consulenza in materia di innovazione;
b) servizi di consulenza e di supporto all'innovazione;
c) messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un organismo di ricerca;
d) servizi per l'innovazione dei processi e dell'organizzazione;

4) Investimenti per l'acquisizione di servizi:

a) acquisizione servizi di consulenza per l'innovazione delle imprese e per migliorare il posizionamento competitivo dei sistemi produttivi locali (ambiente, responsabilità sociale ed etica, internazionalizzazione e l'e-business);
b) partecipazione a fiere.
Qual è l'entità dell'investimento?
I progetti integrati di investimento devono avere un importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili compresi tra €1milione e €20 milioni.
Qual è il finanziamento ammissibile?
Gli aiuti vengono concessi con i seguenti limiti:

1) Investimenti iniziali
• non superiore a €6 milioni per piccola impresa;

2) Investimenti in R&S
• non superiore a €11 milioni per la piccola impresa;

3) Investimenti in innovazione tecnologica, dei processi e dell'organizzazione:
• non può superare €0,5 milioni per singola impresa e €7,5 milioni per progetto integrato

4) Investimenti per l'acquisizione di servizi:
• €200.000 per la piccola impresa e €2milioni per progetto integrato per acquisizione di servizi di consulenza;
• €100.000 per impresa per la partecipazione a fiere e €2milioni per progetto integrato.
Quando scade?
Scadenza a sportello.
Qual è l'Ente gestore?
Puglia Sviluppo SpA.
Buy now